Privacy Policy
giovedì 19 Settembre 2019

Libia addio: tornano Cirenaica e Tripolitania

Due Parlamenti, due governi e tante bande armate ed eserciti che vanno e vengono bombardando coi loro caccia. Aerei arabi questa volta, a colpire Tripoli. Emirati, Egitto e Arabia Saudita si oppongono alle milizie libiche sostenute dalla Fratellanza musulmana e dal Qatar. Gli Usa silenti guardano

Esiste ancora la Libia? Due Parlamenti, quello neo eletto insediato a Bengasi, e quello vecchio che resiste a Tripoli, due governi che governano a malapena il cortile di casa, e tante bande armate ed eserciti che vanno e vengono bombardando coi loro caccia. Aerei arabi questa volta, a colpire Tripoli. Emirati, Egitto e Arabia Saudita hanno deciso di intervenire direttamente per opporsi alle milizie libiche sostenute dalla Fratellanza musulmana e dal Qatar. Gli Usa, ufficialmente non informati, guardano. Washington, alle prese con la Siria e l’Iraq, al momento preferisce lasciar fare.

LIBIA caos veicoli armati sito

Dunque il mistero è sciolto. Forse. Sono/sarebbero stati caccia degli Emirati Arabi decollati dall’Egitto, a bombardare le milizie islamiste libiche nella zona di Tripoli. A rivelarlo è il New York Times grazie a buone fonti americane. I due paesi avrebbero lanciato i raid senza informare gli Usa, cosa abbastanza improbabile. Gli Emirati hanno fornito piloti, caccia e un velivolo per il rifornimento in volo. Gli egiziani hanno offerto un paio di basi, non lontane dal confine libico. Le missioni hanno colpito chi tentavano di impadronirsi dell’aeroporto internazionale di Tripoli.

Blitz inutile con i miliziani che hanno conquistato lo scalo distruggendolo. Ma cosa significa quell’intervento armato? Gli Emirati, con Egitto e Arabia Saudita, si oppongono alle milizie libiche sponsorizzate dalla Fratellanza musulmana e dal Qatar. Uno scontro regionale che concentra tutte le tensioni dirette o indirette tra i diversi paesi. Guido Olimpio sul Corriere della Sera non esclude la creazione di una ‘forza di stabilizzazione’ ‘su Tripoli. Il Cairo smentisce le rivelazioni del New York Times ma «si sente in dovere di agire in Libia per la propria sicurezza».

Libia che rischia di trasformarsi nel santuario di formazioni estremiste che hanno diramazioni in Tunisia, nel Sahel e che potrebbe fare da sponda ai piani dell’Isis. Intanto dalla Cirenaica, Ansar al-Sharia invita i mujahidin libici a unirsi contro le forze occidentali, dopo che le milizie di Misurata hanno annunciato il ripristino del vecchio parlamento, sostituito a fine giugno dalla nuova Camera dei Rappresentanti. Scontro insanabile fra Tripoli e Bengasi che appare oggi il vero preludio di un’implosione a cui da tempo sembra essere condannata la Libia del dopo Gheddafi.

Shows trucks, carrying illegal migrants who were left in the desert on the Sudanese-Libyan border.
Shows trucks, carrying illegal migrants in the desert on the Sudanese-Libyan border

Il parlamento libico, eletto a fine giugno, la ‘Camera dei Rappresentanti’, a differenza del precedente Congresso Generale Nazionale ha una maggioranza di deputati di formazioni laiche o nazionaliste. Vittoria politica sulle le milizie filo-islamiche che hanno preso il sopravvento a Bengasi e che adesso minacciano anche Tripoli. Ma le milizie islamiche hanno dato vita, di fatto, a un ‘golpe bianco’, recuperando lo scaduto Congresso Generale Nazionale. Spinte separatiste della Cirenaica che da un anno insistono per  un organo legislativo indipendente da Tripoli.

 

Potrebbe piacerti anche