sabato 20 luglio 2019

Il vizio thailandese del golpe continuo 2 riusciti 7 tentati

A Bangkok carrarmati in strada. Poi i generali, tre giorni dopo aver preso il potere e imposto la legge marziale, annunciano al mondo che il loro è davvero un colpo di Stato. Gentili e prolifici quei tipi in divisa, infatti in Thailandia sotto il regno di Rama IX i golpe militari sono abituali

alt="Il vizio thailandese del golpe continuo 2 riusciti 7 tentati"

Il vizio thailandese del golpe continuo 2 riusciti 7 tentati

Il vizio thailandese del golpe continuo 2 riusciti 7 tentati. Alcuni generali sono veramente zucche: nell’era del web e della comunicazione digitale quelli usano ancora la vecchia televisione come la vedevano in bianco e nero da giovani cadetti. Rigidi, ridicoli, impalati in una fila da foto scolastica i militari delegano il generale Prayuth Chan-ocha a annunciare al mondo che nel regno rincitrullito del Re Rama IX, ormai imbalsamato sul trono dove siede dal 1946, tornano a comandare loro visto che hanno una buona pratica di golpe: il 12esimo dal 1932.

 

Il vizio thailandese del golpe continuo 2 riusciti 7 tentati

 

Mentre la penisola indocinese vive l’ennesimo travaglio dopo i decenni di guerre laceranti che hanno travolto Vietnam, Laos e Cambogia, gli Stati Uniti non sempre estranei nel passato ad interferenze interne al Siam-Thailandia- oggi condannano quanto sta accadendo in Thailandia: “Non ci sono giustificazioni per questo colpo di Stato militare”, ha detto nella serata di ieri da Washington il segretario di Stato, John Kerry. Colpo di Stato anomalo rispetto ai molti del passato?

 

Nel frattempo gli esponenti politici civili di maggioranza e opposizione, si stanno presentando alla convocazione del nuovo regime militare. 38 quelli che hanno risposto, nel timore che forse i militari non volessero soltanto parlare con loro. Tra i 38, la ex premier Yingluck Shinawatra. Toccherà a un centinaio di personalità delle due parti politiche che si affrontano da più di sette anni. Vecchi politici dell’ex partito di governo Puea Thai e del partito democratico, di opposizione, fa sapere l’esercito.

 

Assunto il potere, l’esercito ha ordinato la sospensione della Costituzione e l’entrata in vigore del coprifuoco dalle 10 di sera fino alle 5 del mattino. Ogni trasmissione radiotelevisiva è interrotta e sono autorizzati solo i comunicati della commissione incaricata dall’esercito di governare il Paese. Oscurate le reti locali di BBC, CNN e Al-Jazeera. Solo i social network per avere e dare notizie sulla situazione. L’ambasciata Usa è ricorsa a Facebook per dare l’allerta ai suoi connazionali.

 

Un dato statistico, sui golpe riusciti o soltanto tentati. L’ultimo dei precedenti diciotto colpi di stato risale al 2006 quando fu deposto Thaksin Shinawatra, un magnate amato dalla classe rurale del nord e inviso all’élite e alla classe media di Bangkok. Nel 2010 l’esercito intervenne di nuovo per reprimere le proteste delle camicie rosse, fedeli a Thaksin ormai in esilio: finì con un bilancio di 90 morti. Quando si tornò a votare, le elezioni furono vinte da Yingluck Shinawatra, sorella di Thaksin.

 

Il vizio thailandese del golpe continuo 2 riusciti 7 tentati
COLPO DI STATO IN THAILANDIA, I MILITARI PRENDONO IL POTERE

 

La settimana scorsa la corte costituzionale aveva rimosso Yingluck. Da quel momento la Thailandia è precipitata nell’incertezza, con un un primo ministro ad interim non riconosciuto da una parte del paese e il Senato che tentava di nominarne un altro. Due zone di Bangkok occupate dalle diverse fazioni, con il rischio che si arrivasse alla guerra civile, visto che nel corso delle proteste degli ultimi mesi vi sono stati attentati contro gli anti governativi che hanno causato una trentina di morti.

 

Potrebbe piacerti anche