mercoledì 17 luglio 2019

Serbia ai conservatori
Slovacchia ballottaggio

Il partito del progresso serbo, che è una formazione di centrodestra, sfiora il 50 per cento dei consensi e ottiene la maggioranza assoluta dei seggi. Solo quattro partiti superano sbarramento 5%, a cui si aggiungeranno le rappresentanze delle minoranze. Un trionfo per i conservatori di Vucic

I conservatori del Partito del progresso serbo di Aleksandar Vucic hanno vinto le elezioni legislative anticipate con quasi il 50% dei consensi. Sulla base del 65,37% dei seggi scrutinati, al partito conservatore (che si chiama partito del progresso) è andato il 48,44% dei voti e la maggioranza assoluta del parlamento. Praticamente il raddoppio dei voti del 2012.

 

Al secondo posto, molto distanziato, il Partito socialista col 14,05% e 45 seggi, che mantiene comunque le sue posizioni (14,51% nel 2012), seguito da Nuovo partito democratico (Nds) al 5,86% e 18 seggi, e Partito democratico con il 5,46% e 17 seggi. Per il Pd che ha dominato la scena politica serba per anni è disfatta dal 22,06% ottenuto due anni fa.

 

Npon superano lo sbarramento richiesto del 5 per cento altri vecchi e un tempo potenti partiti, titpo l’ultradestra radicale che fu di Seselj. ottengono seggi anche tre formazioni che rappresentano le minoranze: gli ungheresi con nove seggi, i bosniaci musulmani del Sangiaccato con tre seggi e gli albanesi del sud della Serbia, Prescevo e Bujanovac con due rappresentanti.

 

Nulla di deciso invece in Slovacchia per il nuovo presidente. Ieri, primo turno, l’attuale Primo Ministro e Presidente del Partito socialdemocratico Robert Fico ha ottenuto il 28% dei voti e il candidato indipendente Andrej Kiska il 24%. Conteggio del 99% delle schede valide. Il secondo turno di votazione si svolgerà fra due settimane, il 29 marzo.

 

Potrebbe piacerti anche