Privacy Policy Economic Forum Nel mondo 2014 sarà crescita lenta -
sabato 18 Gennaio 2020

Economic Forum
Nel mondo 2014
sarà crescita lenta

Nella Svizzera dei banchieri, a Davos, le previsioni per il 2014. Ripresa timida per l’economia mondiale. Nonostante la crisi, il Fondo Monetario Internazionale prevede il PIL mondiale crescerà del 3,7%. Frenano i Paesi emergenti. Spreco di leader planetari per vaticinare invece di programmare

Titolo, “Il rimodellamento del mondo: conseguenze per la società, la politica e gli affari”. Cosucce! I cosiddetti big della politica e dell’economia mondiale a fare i conti con la recessione e la crisi del debito. E per semplificare un po’, l’estremizzazione del divario tra ricchi e poveri, l’estinzione della classe media, salute ed ecosostenibilità, il cybercrime, l’ invecchiamento della popolazione mondiale.

 

Eppure, mentre tutto nel mondo sembra andare alla rovescia, il Fondo Monetario Internazionale prevede una crescita mondiale del 3,7%. Non è il rilancio sperato ma è qualcosa. Lepri da inseguire Stati Uniti e Cina. L’Europa ci prova, è in ripresa, ma non è ancora fuori dalla recessione. Secondo Axel Weber, Unione Banche Svizzere, “La crescita della Cina minaccia l’Europa, e l’Europa deve darsi una svegliata”.

 

Ken Rogoff dell’Università di Harvard è lapidario: “La disoccupazione in Europa è terrificante”. Comunque la ripresa c’è, ma è fragile. Cartavelina più di speranze che di dati. Da un sondaggio mondiale della Pricewaterhouse Coopers presentato al forum svizzero, emerge un certo ottimismo tra i capi d’azienda. I super manage che prevedono una ripresa sono saliti dal 18% dell’anno scorso al 44% di quest’anno.

 

In Italia, Paese decisamente in crisi, il 74% dei dirigenti ritiene che il fatturato della propria azienda crescerà nel prossimo anno. 59% di ottimisti nell’indagine del 2013. La fiducia ora è rivolta tutta sui capisaldi storici del vecchio mondo economico: Stati Uniti, Regno Unito, Germania e Giappone i sempre protagonisti dell’economia 2014. Frenano i Paesi emergenti,Turchia in primis. Ma al momento sono vaticini.

Potrebbe piacerti anche