• 19 Febbraio 2020

Armi chimiche siriane
Dove? Alle 14 web-tv
Camera dei deputati

La foto sopra ripropone la cartina predisposta dalla Bbc per illustrare il percorso che sta per intraprendere il carico di micidiali ordigni chimici dell’esercito di Assad. Interessante da interpretare prima ancora delle rivelazioni tardive della ministro degli Esteri Emma Bonino. Da Latachia, porto siriano, verso un porto italiano di stoccaggio, deposito temporaneo e misterioso delle quasi mille tonnellate di agenti chimici letali che saranno poi caricati sulla nave-laboratorio statunitense MV Cape Ray e resa inoffensive in circa tre mesi di lavorazione navigando per il Mediterraneo. Segreti male intesi e peggio conservati: antiterrorismo o anti reazione popolare?

 

Cape Ray cantiere usa sito

 

Tre le cose che interessano al mondo. Uno, se la Siria in guerra è stata veramente disarmata da ordigni chimici. Due, dove finiranno -anche se per poco- in Italia. Tre, dove la Cape Ray lavorerà chimicamente quei veleni. Mediterraneo tra Libia e Sicilia come da cartine? O il piccolo Adriatico meno mosso? RemoContro ha seguito con attenzione questa vicenda e ha fornito anticipazioni in parte utilizzate da organi di informazione più importanti. Abbiamo individuato i due mercantili per il carico dei veleni e le navi militari di scorta. Ve le abbiamo mostrate e le abbiamo seguite tra Limassol e Latakia, sino a che, per sfuggirci, non hanno staccato i loro trasponder.

 

Laboratorio di idrolisi a bordo della Cape Ray
Laboratorio di idrolisi a bordo della Cape Ray

 

Oggi alle 14 e 15, qualche cosa in più sapremo. Il sito di Camera dei deputati è sempre molto preciso. E burocratico. «Giovedì 16 gennaio, alle ore 14,15, le Commissioni riunite Affari esteri e Difesa di Camera e Senato, presso la Sala del Mappamondo, svolgeranno l’audizione del Ministro degli Affari esteri, Emma Bonino, del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Maurizio Lupi e dell’Ambasciatore Ahmet Üzümcü, Direttore generale della Organization for the Prohibition of Chemical Weapons (OPCW), nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull’operazione internazionale di disarmo chimico in Siria. L’appuntamento sarà trasmesso in diretta webtv».

 

Ennio Remondino

Ennio Remondino

giornalista, già corrispondente estero Rai e inviato di guerra

Read Previous

Guerre democratiche
o guerre umanitarie?
Sempre prodotto lordo

Read Next

L’arsenale di Assad
passa da Gioia Tauro
dice il ministro Lupi