Privacy Policy
martedì 19 20 Novembre19

Il testamento
del porcellum

“Testamento del porcellino” di Anonimo, IV secolo d.C. parzialmente rivisitato. Marco Grunnio Corocotta detto Porcellum. Da documenti di età carolingia, secolo IX-XI , apprendiamo che l’abbattimento del maiale è d’obbligo avvenga in dicembre. E con luna calante. La Consulta deve darsi una mossa

Dunque, «Il porcellino Marco Grunnio Corocotta ha fatto testamento».

(Marco Grunio, per gli intimi è semplicemente Porcellum).

«Poiché non ho potuto scriverlo di mio pugno, l’ho dettato perché fosse scritto».

 

Il cuoco Magiro (detto il napolitano) ha detto: «Vieni qui, sovvertitore della casa, sconvolgitore dell’aia, porcellino che sempre fuggì, oggi ti tolgo la vita».

Il porcello Corocotta (Porcellum) disse: «Se ho fatto qualcosa, se ho rotto con i piedi qualche vasetto, ti prego, signor cuoco, ti chiedo la vita, concedila a me che ti prego».

Il cuoco Magiro chiamò: «Vieni, garzone, portami un coltello dalla cucina, affinché io possa sgozzare questo porcello».

 

Questo viene catturato dai servi, condotto verso il sedicesimo giorno prima delle Calende lucernine quando abbondano i cavoli, sotto il consolato di Clibanato e Piperato.

(La stagione era questa, e anche la luna coincideva).

E non appena capì che stava per morire, chiese un’ora di tempo e pregò il cuoco di poter fare testamento: fece chiamare a sé i suoi parenti, per lasciare a loro in eredità le sue parti da mangiare.

 

E così egli disse:

«A mio padre Verrino (detto Berluscia) dispongo siano lasciati trenta moggi di ghiande e a mia madre Veturina Scrofa (detta Lalega) quaranta moggi di fior di farina spartana, a mia sorella Quirina (l’A Enne), alle cui nozze non ho potuto partecipare, trenta moggi d’orzo.

(Per la parte che segue e per precisa anche se soltanto orale volontà testamentaria, non sono ammessi ulteriori identificativi per la evidente perigliosità dell’accostamento. Sono invece ammesse proposte da parte dei lettori).

 

E delle mie viscere donerò le setole ai calzolai, le mascelle ai litiganti, le orecchie ai sordi, la lingua agli avvocati e ai parolai, le budella ai salsicciai, le cosce ai rosticceri, i rognoni alle donne, la vescica ai bambini, i garretti agli schiavi cursori e ai cacciatori, le unghie ai ladroni e al cuoco innominabile lascio il mestello e il pestello che avevo rubato: da Tebeste fino a Trieste possa egli legarsi il collo con una fune.

 

 

E voglio che sul mio monumento sia scritto: «II porcello M. Grunnio Corocotta visse 999

anni e mezzo (dal dicembre 2005); se ne avesse vissuto ancora mezzo, avrebbe compiuto mille anni».

Miei ottimi estimatori e voi che vi prendete cura di me, vi chiedo di fare buone cose con il

mio corpo, che condiate bene con buoni condimenti di noce, pepe e miele, affinché il mio

nome sia ricordato in eterno.

Signori miei e miei cugini, che avete assistito al mio testamento, fate firmare».

 

Firmarono: Lardoso, Braciolino, Speziale, Salsicciotto, Prosciutto, Celsino e Nuziale.

Finisce qui il testamento del porcello verso il giorno sedicesimo delle Calende lucernine,

felicemente sotto i consoli Clibanato e Piperato

Potrebbe piacerti anche