Privacy Policy
venerdì 18 Ottobre 2019

Sulla morte di Arafat
avvoltoi al polonio

Medici legali svizzeri “moderatamente suggeriscono” che il leader palestinese Arafat potrebbe essere stato avvelenato con una sostanza radioattiva. Polonio, affermano al Centro Universitario di Losanna. Israele parla di soap opera e non di scienza. In casa palestinese insiste Suha Arafat, la vedova

Yasser Arafat per molti, soprattutto in occidente, è stato un mito. Fondatore del gruppo nazionalista palestinese Fatah, leader dell’ Organizzazione per la Liberazione della Palestina per più di trentanni, primo presidente dell’Autorità palestinese. Arafat è scomparso nel novembre 2004 nell’ospedale militare Percy di Parigi. Causa ufficiale del decesso un ictus provocato da una malattia del sangue nota come “coagulazione intravascolare disseminata”. L’ultimo tentativo di cura appunto a Parigi.

 

Tuttavia, dopo un anno di indagini, un team di medici legali svizzeri del Centro Ospedaliero Universitario di Losanna , suggerisce che il leader palestinese potrebbe essere stato avvelenato con il polonio radioattivo. Antico sospetto da tempo sollevato dalla vedova di Arafat. Secondo i risultati dello studio pubblicato dalla tv del Qatar Al Jazeera, i test sulle ossa di Arafat e su campioni di terreno provenienti dalla sua sepoltura hanno mostrato “alta e inaspettata attività” di polonio 210.

 

Tracce della stessa sostanza sono state scoperte sugli effetti personali che Arafat utilizzati negli ultimi giorni. Secondo lo studio, alcuni di questi oggetti contenevano livelli di polonio fino a dieci volte superiori rispetto a quelle dei campioni casuali utilizzati nello studio. La BBC ha sentito il dottor Paddy Regan della University of Surrey, specialista nella misurazione delle radiazioni. Regan definisce lo studio svizzero una ipotesi “piuttosto forte” della teoria dell’avvelenamento. Vaghezza.

 

Nulla smentisce che Arafat sia stato avvelenato, anche se, per la stessa assenza di elementi decisivi, non è stato possibile affermare il contrario. Ma la vedova Suha Arafat, da tempo in polemica con le stesse autorità palestinesi su questioni di eredità, insiste attribuendo valore probatorio alle ipotesi di medici legali svizzeri. Quesito mai risolto dal novembre 2004 : chi aveva più interesse alla morte dell’allora presidente dell’Autorità palestinese e di Fatah? Risposta più complessa di quanto appare.

 

 

Potrebbe piacerti anche